11 Posts

Come trasformare il regolamento generale sulla protezione dei dati in un’opportunità per l’azienda

La costante evoluzione tecnologica e i processi di trasformazione digitale che coinvolgono le attività legate al trattamento delle informazioni sensibili sono all’origine del nuovo regolamento generale sulla protezione dei dati personali (noto come GDPR, dall’inglese General Data Protection Regulation). La norma sarà applicata a partire dal 25 maggio di quest’anno (è entrata in vigore a maggio del 2016) e interesserà tutte le imprese che operano nell’Unione Europea, quindi non solo le aziende e le organizzazioni europee, ma anche quelle internazionali che gestiscono dati di cittadini residenti nell’UE.

La trasformazione digitale della salute

Quand’è stata l’ultima volta che abbiamo comprato una bilancia per pesarci? Se è già passato un po’ di tempo, la nostra bilancia risale a un mondo analogico che rispondeva a questo schema: vuoi conoscere il tuo peso? Misuralo. Fine della storia. Se invece l’acquisto è più recente,

I bot assisteranno a domicilio le persone anziane?

“Entro il 2020, i robot assisteranno l’80% degli anziani in Giappone”. Erano i primi di febbraio quando ho letto questa notizia una mattina mentre facevo colazione. Una ricerca su Google mi ha rivelato che proveniva da un’agenzia. La Vanguardia, The Guardian, El Español e molti altri media riproponevano lo stesso concetto. Mi sono incuriosito e ho deciso di approfondire: ho scoperto che se ne parlava già tre anni fa, anche se con strategie diverse. 

Cuatroochenta presenta alla Borsa di Madrid il suo prossimo piano di quotazione nel mercato alternativo MAB, grazie al supporto della piattaforma Entorno Pre-Mercado (EpM)

“Ci aiuta a cambiare mentalità nel passaggio da start-up a impresa. L’adempimento dei requisiti per la quotazione nel MAB sta contribuendo a professionalizzare la gestione e i processi a tutti i livelli, un cambio di passo che sta dando ottimi frutti”.

2018: l’anno in cui un chatbot ti cambierà la vita?

Mentre sul web tutti parlano di blockchain, c’è un’altra parola che con meno clamore si sta facendo strada e, grazie alla tecnologia che racchiude, sta per cambiare la nostra interazione con le macchine e, per estensione, con i database: si tratta di BOT, l’abbreviazione di robot o chatbot.

La scelta dei KPI: come monitorare un’applicazione in chiave SMART

In questo post non proporremo una serie di strumenti per monitorare l’attività e il comportamento dell’utente all’interno della app. E non faremo neppure un elenco di indicatori suddivisi per tipo o categoria di applicazione. Ci concentreremo invece sulla selezione dei KPI (Key Performance Indicators), basandoci sull’acronimo SMART (Specific, Measurable, Achievable, Relevant e Time-related), per capire se la nostra app sta raggiungendo gli obiettivi previsti e definiti a livello strategico.

Google sceglie un progetto del Grupo Zeta e di Cuatroochenta sull’innovazione del giornalismo iperlocale

Una piattaforma che genera contenuti di qualità sui quartieri delle grandi città, e che aiuta a far monetizzare i media locali grazie alla connessione tra i piccoli business e i consumatori. È questo il progetto scelto da Google per il suo programma europeo Digital News Initiative (DNI) – promosso dal Grupo Zeta per il quotidiano digitale madrileno Somos Malasaña, con lo sviluppo tecnologico firmato Cuatroochenta.

Perché Intimind è stata scelta da Google Play tra le migliori app del 2017 in America Latina?

 

Intimind, l’app di meditazione sviluppata da Cuatroochenta per un team di psicologi di Valencia, è stata scelta da Google Play tra le migliori del 2017 in America Latina, e più specificatamente nella categoria delle “App più divertenti”.

Cos’è React Native? Il modo di sviluppare app sta cambiando

Come società specializzata nello sviluppo di applicazioni, una delle domande che i nostri clienti ci rivolgono più spesso è: app nativa o ibrida? In effetti, pur con qualche semplificazione, queste erano le uniche due opzioni disponibili finora, insieme all’evoluzione della tecnologia web e, nello specifico, delle progressive web app.

10 consigli per mantenere e fidelizzare gli utenti della tua app

Nei post precedenti abbiamo già stabilito che il grande rischio di molte applicazioni è quello di trasformarsi in zombie ancora prima di nascere. Convincere gli utenti a scaricare una app è già una sfida, ma far sì che continuino a usarla lo è ancora di più. Diverse ricerche sul tasso di disinstallazione che analizzeremo in questa sede, confermano il tutto. Per concludere l’analisi, vi daremo consigli utili per ridurre questo rischio, fidelizzare l’utente, ottenere una app visibile.